Istruzioni per giocare al casino online e con il gioco d'azzardo su internet. I migliori casino online italiani legali con bonus gratis

Il gioco d’azzardo dell’ippica richiama l’attenzione

Il settore dell’ippica ogni tanto “tira su la testa” e tenta di farsi sentire…. E’ un settore molto “bistrattato” e personalmente non ci rendiamo conto come mai un’ “eccellenza” come questa che ci ha rappresentato nel mondo per tanti anni possa essere stata “dimenticata” in questo modo. Lo Stato, e la sua Amministrazione, danno qualche contentino, aprono e chiudono ippodromi, spostano e mettono cavalli di qui e di là ma il settore è sempre più incerto e “trascurato”. Il clima di eleganza, di potenza, di bellezza che circondava questo mondo si è perso negli anni, i VIP non corrono più ai vari eventi, lasciando così il settore nell’abbandono e nell’incertezza: vive solamente dell’amore di operatori che nei cavalli vedono ancora un “futuro”.
Enrico Tuci, Presidente degli Imprenditori Ippici Italiani, fa sentire la sua voce ancora una volta sottolineando come nei primi otto mesi di quest’anno siano stati distribuiti nel trotto solo 31milioni di euro: importo che avrebbe dovuto essere distribuito in sei mesi! Dal bilancio del settore, ricorda Tuci, ammontante a 250 milioni derivava un montepremi di soli 115 milioni che scendeva poi a 102 decurtato dal decreto. Cifre troppo basse “ballano”, altri importi che sono del settore non si sa che strada abbiano intrapreso, dal Palazzo nulla si dice e trapela e Enrico Tuci sottolinea che non sarà certo la apertura di alcuni importanti ippodromi a sanare la situazione ed a far “ritrovare gli importi smarriti”. Tutto è il balìa del caso e non controllabile. Da qui ancora una volta un “nitrito” di aiuto da parte dei nostri grandi ed eleganti amici a quattro zampe.